Print Friendly, PDF & Email

POSTI ESAURITI

 

Riprendiamo ad aprile il percorso culturale iniziato lo scorso anno alla “RiScoperta di   Padova“.

Dopo la visita nel maggio dello scorso anno del Parco Treves, del Roseto di Santa Giustina, e dei sotterranei del Palazzo della Ragione, abbiamo iniziato il 2019 con la visita in notturna della Basilica del Santo.

Ora ci spostiamo nel Centro Storico dove potremo visitare due “gioielli” padovani: la Torre dell’Orologio in Piazza dei Signori e la vicina Reggia dei Carraresi in piazza Capitaniato.

 

LA TORRE DELL’OROLOGIO

La Torre è un edificio di origine medievale che si affaccia su Piazza dei Signori. Si eleva tra il Palazzo del Capitanio e il Palazzo dei Camerlenghi ed è stata edificata nella prima metà del XIV secolo come porta orientale della Reggia Carrarese. Nel 1428 venne sopraelevata, decorata in stile gotico e dotata del celebre orologio astronomico, la più antica macchina del suo genere che si conservi al mondo, costruito sullo straordinario progetto di Jacopo Dondi nel 1344. Di questo antico strumento trecentesco si conservano originali i segni dello Zodiaco, mentre la corniciatura si deve a Giovanni Maria Falconetto che restaurò il prospetto della torre su incarico di Vitale Lando nel 1537.

La popolarità dell’orologio astronomico, uno dei primi realizzati in Italia, fu tale che ai discendenti di Jacopo Dondi fu aggiunta al cognome la dizione “dell’Orologio”. Alcuni discendenti della famiglia risiedono tuttora a Padova.

L’orologio è ritornato a funzionare nel giugno del 2010 dopo un attento lavoro di restauro che ha interessato sia la struttura architettonica della torre che i meccanismi dell’orologio vero e proprio.

 

REGGIA DEI CARRARESI

La Loggia dei Carraresi costituisce l’ultima parte sopravvissuta per intero della Reggia Carrarese, la grande residenza dei Da Carrara, signori di Padova.

Il complesso della Reggia, costruito fra il 1339 e il 1343, comprendeva un Palazzo di ponente (più antico) e un Palazzo di levante, collegati fra loro mediante un edificio centrale e con un ampio cortile interno che corrispondeva grossomodo all’odierna piazza Capitaniato.

Nel corso dei secoli, il complesso degli edifici della Reggia ha subito un inevitabile decadimento con demolizioni e modifiche, e il fronte della loggia è l’unica struttura rimasta quasi intatta. Caratterizzata da snelle colonne in marmo rosa di Verona disposte su due livelli, la loggia fu realizzata su disegno di Domenico da Firenze. Nelle stanze retrostanti, sede dell’antica cappella privata (oggi Sala delle Adunanze), si trovano alcuni affreschi del Guariento raffiguranti episodi biblici.

La Loggia è tuttora sede dell’Accademia Galileiana di Scienze, Lettere ed Arti. Nelle sue sale è esposta la famosa mappa di Padova realizzata da Giovanni Valle nel 1784.

_______________

Non essendo aperte al pubblico il sabato pomeriggio abbiamo dovuto richiedere permesso per apertura straordinaria al Comune di Padova e all’Accademia Galileiana.

L’appuntamento è per sabato 13 aprile alle ore 15,15 sotto la Torre dell’Orologio in Piazza dei Signori.

In base al numero di partecipanti saremo suddivisi in gruppi al massimo di 10 persone che a rotazione visiteranno i monumenti.

Entrambi i siti sono gestiti dai volontari di Salvalarte Padova- Legambiente e non viene richiesto un biglietto di ingresso, ma è gradita un’offerta da utilizzare per la stampa del materiale pubblicitario di questa Associazione. Abbiamo pensato di raccogliere € 5,00 per persona.

 

Info e adesioni entro il 7 aprile:
Marino Garbari cell. 3472156002 o via mail assdi.euganea@assdinazionale.it

_______________

Il prossimo appuntamento ai primi di maggio (4 o 11) con la Sala della Ragione, con una guida d’eccezione, la dott.ssa Antoniazzi dell’Associazione Artopolis, storica dell’arte e curatrice di volumi sulla Sala della Ragione.

Condividi questa pagina...Email this to someone
email
Share on Facebook
Facebook