Print Friendly, PDF & Email

In ottemperanza a quanto disposto dalle autorità regionali la visita animata al Caffè Pedrocchi viene rinviata a data da destinarsi. Sarà nostra cura inviare una comunicazione con la nuova data ai Soci che avevano aderito all’ iniziativa.

Riprendiamo  il percorso culturale iniziato lo scorso anno alla “RiScoperta” di Padova,  visitando, in un modo diverso dal solito, lo storico Caffè Pedrocchi e il Museo del Risorgimento. Saremo infatti accompagnati da alcuni attori che ci faranno da guida impersonando, in costume,  i diversi personaggi  che hanno animato lo storico Caffè.

Sabato 29 febbraio 2020, h.16,00

Il programma si articola in due momenti: la visita al Caffè Pedrocchi e al Museo del Risorgimento.

___

L’isola felice di Antonio Pedrocchi

Le visite “animate” superano il racconto e l’aneddoto di una normale visita guidata, attraverso la rappresentazione della storia del Caffè grazie alla comparsa di personaggi in costume.

Gli attori di TeatrOrtaet, Alessandra Brocadello e Carlo Bertinelli, ci condurranno  in un percorso in costume dentro il Caffè, svelando ed esplorando la sua storia.

La visita animata® rievoca la figura del caffettiere Antonio Pedrocchi, il quale affida all’architetto Giuseppe Jappelli l’incarico di fare “il più bel caffè della terra”.

Si ricordano poi l’apertura delle sale al pianterreno il 9 giugno 1831, la conclusione dello Stabilimento Pedrocchi nel 1842, fino alla morte di Antonio nel 1852, rievocando i fasti dello “Stabilimento Pedrocchi” e le vicende dello storico Caffè.

Visiteremo il piano nobile dello “Stabilimento Pedrocchi” celato dentro allo storico Caffè padovano. Dalla piazzetta  saliremo l’imponente scalone del vestibolo e  attraverseremo le varie sale cambiando stile, epoca, atmosfera.

La vicenda è costellata di versi e di articoli di giornale, di incontri e scontri, di invidie e successi, pagati a caro prezzo, con una vita di lavoro, dall’onesto caffettiere.


E’ successo un ’48: fasti e vicende del Caffe’ senza porte

La Festa degli studenti è stata indetta l’8 febbraio del 1900, ricordando la fatidica giornata dell’insurrezione che ha visto gli studenti  protagonisti nel 1848, della quale resta tuttora traccia nella Sala Bianca del Caffè Pedrocchi, con il foro nel muro di una pallottola austriaca sparata durante gli scontri. Entrano in scena Arnaldo Fusinato, studente, poeta e redattore del foglio settimanale “Il Caffè Pedrocchi” e una misteriosa “matricola”, che dietro gli abiti da studente cela fattezze femminili e ardori patriottici. Nella finzione scenica, dietro al travestimento si cela la giovane Erminia Fuà, anch’ella poetessa di “italiano sentire”.

Ai due “studenti”, Arnaldo Fusinato ed Erminia Fuà, viene affidato il compito di presentare il giornale edito tra il 1845 e il 1848, tratteggiando allo stesso tempo la vita studentesca attraverso i versi umoristici del Fusinato de “Lo studente di Padova”.

Tra salotti e caffè, tra le poesie del Prati e le burle contro il dominio straniero, prendono vita le cospirazioni e si preparano i drammatici giorni del ’48.

__________

Info:
Assdintesa Euganea – Marino Garbari cell. 3472156002

Adesioni possibilmente via mail (assdi.euganea@assdinazionale.it) entro il 22 febbraio 2020.

Il costo della visita animata (comprensiva dell’ingresso al Museo del Risorgimento) è di  € 15,00

___________

Cliccando qui potete scaricare una breve storia del Caffe’ Pedrocchi  e del Museo del Risorgimento.

 

 

Condividi questa pagina...Email this to someone
email
Share on Facebook
Facebook